Home Blog

Call Convegno Siss 2022 – Lo sport durante il fascismo

0

È aperta la call per il convegno nazionale della Società Italiana di Storia dello Sport, che si terrà a Salerno l’8 e il 9 settembre 2022. Tema del convegno è “Lo sport durante il fascismo. Ricerche storiche e prospettive storiografiche a cento anni dalla marcia su Roma”. Gli abstract, di un massimo 300 parole, corredata da una breve biografia dovranno pervenire alla mail: siss@storiasport.com entro il 31 marzo 2022 e saranno esaminati dal Comitato Scientifico. La comunicazione sull’accettazione avverrà entro 30-60 giorni.

Ulteriori informazioni QUI

Convegno Un Secolo di governo del Basket in Italia

0

Il convegno Un secolo di governo del basket in Italia. Dalle origini pionieristiche alle medaglie olimpiche. Il centenario della Fip, organizzato dall’Università di Siena e dalla Società Italiana di Storia dello Sport con il patrocinio della SISSCO e della Fondazione Studi Storici Filippo Turati, si terrà il 2-3 dicembre presso il Polo Didattico Mattioli nell’ Aula conferenze per celebrare la ricorrenza dei 100 anni dalla fondazione della Fip (Federazione Italiana Pallacanestro).

Il convegno sarà composto da VII sessioni così divise:

  • I Sessione – Il Basket italiano: coordinate  di una storia
  • II Sessione – Palla “al cerchio”, “al cesto” o “a canestro” e fascismo
  • III Sessione – La storia del basket attraverso i giornali
  • IV Sessione – Pallacanestro e territorio
  • V Sessione – Basket tra dilettantismo e professionismo
  • VI Sessione – Immagini del Basket
  • VII Sessione – Relazioni internazionali e Basket

Al termine seguirà una tavola rotonda con Meo Sacchetti (Ct Italbasket), Dino Meneghin (Presidente Fip 2009-2013), Fausto Maifredi(Presidente Fip 1998-2008), Andrea Capobianco (Ct Italbasket femminile 3×3), Massimo Valle (Responsabile SSNM Fip), Roberto Chiagig.

Il convegno è il punto di arrivo di una serie di eventi organizzati dalla Siss per celebrare la ricorrenza del centenario della pallacanestro italiano e la storia del basket in generale. Ricordiamo il dibattito del 25 giugno e la Diretta Siss dedicata ai Musei del Basket, oltre al libro 100 anni di Basket in Lombardia .

Comitato scientifico: Sergio Giuntini, Saverio Battente, Mario Zaninelli, Deborah
Guazzoni, Sergio Meda, Fabien Archambault, Gianni Silei, Eleonora
Belloni, Patrizia Dogliani, Nicola Sbetti, Francesco Bonini, Stefano
Pivato, Giorgio Papetti, Mimmo Cacciuni.

Comitato organizzativo: Vincenzo Mercuri, Deborah Guazzoni, Matteo Monaco.

I link per vedere la diretta streaming su youtube sono :
per il giorno 2/12/2021  https://youtu.be/I7OidhHPaEs
per il giorno 3/12/2021 https://youtu.be/1xpfXPYBCdw
 

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la locandina dell’evento.

IX Convegno nazionale della Società Italiana di Storia dello Sport

0
È iniziato a Cagliari il IX Convegno nazionale della Società Italiana di Storia dello Sport. 
Questo il programma:
 
 
È possibile partecipare da remoto tramite link zoom. Ecco le indicazioni per accedere:
 
 
Giornata 8 Ottobre, sessione della mattina:
Cliccando sul link inviato, potrete accedere alla sessione plenaria. In questa stanza si svolgeranno le attività dell’intera mattinata, i saluti istituzionali, la lectio magistralis e la sessione sugli archivi. 
Giornata 8 Ottobre, sessione del pomeriggio:
Cliccando sul link inviato, potrete accedere alla sessione principale che inizierà con la proiezione del documentario di Giuseppe Garau. Terminata la proiezione, potrete accedere autonomamente alle sessioni parallele, cliccando su “sessioni secondarie” (in basso) e aprendo quella di vostro interesse. Sarà anche possibile passare da una sessione all’altra in qualsiasi momento, attraverso la funzione “Lascia stanza” che troverete in basso a destra nella barra comandi di Zoom. Ogni stanza avrà il nome della specifica sessione così come riportata sul programma. 
Giornata 9 ottobre, sessione del mattino:
Cliccando sul link inviato, potrete accedere alla sessione principale che inizierà con la Lectio magistralis di Paul Dietschy. Terminata la sessione plenaria, potrete accedere autonomamente alle sessioni parallele, cliccando su “sessioni secondarie” (in basso) e aprendo quella di vostro interesse. Sarà anche possibile passare da una sessione all’altra in qualsiasi momento, attraverso la funzione “Lascia stanza” che troverete in basso a destra nella barra comandi di Zoom. Ogni stanza avrà il nome della specifica sessione così come riportata sul programma. Al termine delle sessioni parallele, potrete tornare nella stanza principale per la proiezione del film di Francesco Gallo e la chiusura dei lavori.
 
 

 
8 ottobre 9.30-13.00
Entra nella riunione in Zoom
https://zoom.us/j/98862383499
ID riunione: 988 6238 3499
 
8 ottobre pomeriggio 14.30-19.00
Entra nella riunione in Zoom
https://zoom.us/j/93658017239
ID riunione: 936 5801 7239
 
9 ottobre 9.30-13.00
Entra nella riunione in Zoom
https://zoom.us/j/96258549161
ID riunione: 962 5854 9161

Un secolo di governo del basket in Italia. Centenario Pallacanestro 1921-2021: aperta la call per il convegno di Siena

0

Si terrà a Siena il prossimo 3-4 dicembre 2021 il convegno intitolato “Un secolo di governo del basket in Italia. Dalle origini pionieristiche alle medaglie olimpiche. Il centenario della Fip.” organizzato dall’Università di Siena e dalla Società Italiana di Storia dello Sport.

Il convegno si propone di suscitare un dibattito che possa essere un’utile base di partenza per ricerche future centrate sul ruolo del basket nella storia d’Italia, al tempo stesso presentando gli studi in tal senso già in essere.
Pertanto il convegno si pone come obbiettivo, oltre al raggiungimento di una prima serie di risultati scientifici, l’avvio di un filone di studi, inseriti nel solco della storia dello sport, intesa a sua volta come branca della storia, tout court, dell’età contemporanea.

La scadenza per la presentazione delle proposte è fissata per il prossimo 15 settembre.

Il testo della call e maggiori informazioni si trovano nel seguente allegato: Call_Centenario_FIP.

Lo sport durante il Fascismo – 8-9 settembre 2022 X Convegno Nazionale SISS – Università di Salerno

0

Si terrà nei giorni 8 e 9 settembre 2022 presso l’Università di Salerno il decimo Convegno Nazionale della Società Italiana di Storia dello Sport che avrà come tema “Lo sport durante il Fascismo. Ricerche storiche e  prospettive storiografiche a cento anni dalla Marcia su Roma” con il patrocinio del Dipartimento di Scienze Umane, Filosofiche e della Formazione (DISUFF) dell’Univesità di Salerno, di Mediterranean Knowledge – International Centre for Studies and Research e della Fondazione Museo del Calcio. Il convegno si svolgerà presso le aule DISUFF e vedrà una folta partecipazione di storici nazionali e internazionali. All’evento sono inoltre associati due eventi di grande rilievo. Il giorno 7 settembre 2022 a partire dalle ore 15 si terrà presso l’aula 13 del DISUFF il seminario di ricerca SISSCo “La storia dello sport in rapporto alla storia generale“, Il giorno 10 settembre invece verrà inaugurata alle ore 10.30 presso la sede della Società di Storia Patria di Terra del Lavoro (Caserta) la Biblioteca dello Sport a cura del nostro socio Raffaele Ciccarelli.

Qui allegati:

la brochure del Convegno SISS

la locandina del Seminario SISSCo

l’Abstract Book del Convegno con tutti i riferimenti degli interventi che prenderanno parte all’iniziativa.

Major Taylor, il negro volante

0

Il nuovo libro di Alberto Molinari, storico dello sport e collaboratore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea, racconta la biografia del primo atleta nero della storia del ciclismo. Marshal Major Taylor, figlio di schiavi afroamericani, fu uno dei pochi nuovi liberi in possesso di una bicicletta, passando professionista all’età di 18 anni nelle gare su pista alla fine del XX secolo. In un’America ancora profondamente razzista e figlia del mito dello “schiavista gentiluomo”, i successi di Major sui colleghi bianchi lo trasformarono in un fenomeno mediatico. Per il “diamante negro”, però, la vita atletica fu tutto fuorché facile: gli Stati del Sud gli impedirono di gareggiare mentre alberghi e ristoranti si rifiutavano di ospitarlo. Nonostante le difficoltà, la tenacia di Taylor gli consentì di collezionare vittorie e di negli Stati Uniti e in Europa affermandosi come il ciclista più veloce del mondo.
La lotta contro le barriere del pregiudizio purtroppo è ancora attuale, e la storia di Major Taylor merita di essere ascoltata.

Il calcio tra storia, narrazione e formazione

0

Martedì 24 maggio dalle ore 09.30 nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università degli Studi di Firenze si terrà il Convegno Il calcio tra storia, narrazione e formazione. L’evento, organizzato dall’Università di Firenze con il patrocinio di numerosi enti e associazioni tra cui la Società Italiana di Storia dello Sport (Siss), vuole dare spazio ai molteplici ambiti di studio in cui il calcio è coinvolto andando dall’ambito storico-economico a quello letterario fino ad indagare l’aspetto pedagogico di questo sport dalla storia ultra secolare. Tra i partecipanti il nostro vicepresidente Sergio Giuntini, il nostro socio onorario Stefano Pivato e il nostro socio Nicola Sbetti.  Questi i titoli dei loro interventi:

Sergio Giuntini – Calcio, antifascismo e Resistenza in Italia

Stefano Pivato – Il calcio, una proposta educativa

Nicola Sbetti – L’immagine della Nazionale Italiana dal secondo dopoguerra ad oggi

Per partecipare in presenza o da remoto è necessario prenotarsi al seguente link

Ulteriori informazioni nella locandina.

Gli sport equestri italiani nel panorama internazionale

0

Giorno 23 maggio, nella sala Giubileo dell’Università LUMSA, alle ore 15 si terrà il convegno Gli sport equestri italiani nel panorama internazionale. L’evento è organizzato dalla Siss(Società italiana di storia dello sport), dal Comune di Rocca di Papa, l’università LUMSA e la FISE(Federazione italiana sport equestri) e  vuole proporre un approfondimento sugli sport equestri e sulla storia del Centro equestre federale dei Pratoni del Vivaro, anche in vista dell’imminente evento del FEI World  Championships “Pratoni 2022”, in programma a Rocca di Papa (RM) dal 15 al 22 settembre 2022, che prevede i Campionati Mondiali FEI di Concorso completo e Attacchi. 

Tra i partecipanti, oltre al nostro presidente Francesco Bonini, segnaliamo:

  • Veronica Cimino, Sindaco del Comune di Rocca di Papa
  • Marco Di Paola, Presidente della Federazione Italiana Sport Equestri
  • Mauro Checcoli, Presidente dell’Accademia Olimpica Nazionale Italiana, medaglia d’oro Olimpiadi Tokyo ‘64
  • Caterina Vagnozzi, Capo Ufficio Stampa FEI World Championships Pratoni 2022
  • Massimiliano Valente, Università Europea di Roma
  • Francesco De Santis, Assessore al Turismo e allo Sport del Comune di Rocca di Papa

e i nostri soci:

  • il vicepresidente Sergio Giuntini con Gli sport equestri nell’epopea dei grandi giornali
  • Enrico Landoni con Gli sport equestri in Italia e le istituzioni militari
  • Nicola Sbetti con L’Italia e gli sport equestri all’interno del movimento olimpico internazionale.

Per maggiori informazioni ecco la locandina dell’evento.

Seminario SISSCO “La storiografia dello sport in Italia: temi e problemi” – Siena 11 maggio 2022

0

Si terrà a Siena il prossimo 11 maggio 2022 il Seminario di Studi Sissco sul tema “La storiografia dello sport in Italia: temi e problemi. Approcci e prospettive d’indagine”. Vi parteciperanno un nutrito numero di storici e soci della SISS.

Qui è possibile scaricare il programma.

Con Marco Giani alla scoperta dei luoghi di Giovanna Boccalini a Lodi

0

Domenica 15 maggio con ritrovo alle ore 14.30 presso il Cortile del Teatro delle Vigne, la Fiab di Lodi organizza una biciclettata alla scoperta dei luoghi di Giovanna Boccalini, commissaria della squadra di calcio femminile nata nel 1933 a Milano, in cui giocavano le sorelle, e partigiana. Un personaggio a tutto tondo, già in parte descritto nel volume Giovinette. Le calciatrici che sfidarono il duce, che potrà essere riscoperto grazie alla ricostruzione storica del nostro socio Marco Giani.

Qui è possibile scaricare la locandina, con tutte le informazioni.

Sulla Strada di Andreina – Resoconto

0

Martedì 12 aprile si è tenuto un convegno sulla figura di Andreina Sacco Gotta.

Questo il resoconto scritto dalla nostra socia onoraria Angela Teja:

Nella busta 2, fascicolo 1/4 del fondo archivistico “Mario Gotta e Andreina Sacco Gotta”,
compare la scheda elettorale utilizzata da Andreina nel 1946, la prima volta del voto alle
donne italiane. Questo documento è testimonianza di un momento importante della storia
dell’emancipazione femminile conservato nel suo archivio dalla protagonista della Giornata
commemorativa organizzata dalla SISS il 12 aprile presso la sala Vittorio Pozzo del CONI
a viale Tiziano 74, con il fondamentale sostegno e partenariato della Federazione
Ginnastica Italiana. Quella scheda è un documento che da solo ci spiega chi fosse
Andreina, donna tenace, indipendente, volitiva, campionessa in bravura, metodo e stile,
che dopo una importante carriera di atleta, quando ancora i saggi ginnastici si
confondevano con le prove agonistiche della nascente atletica leggera, corre, salta e
lancia sui campi sportivi italiani ed esteri, distinguendosi come campionessa in varie
specialità. Andreina è stata dunque una donna emancipata sin dagli anni Venti, avendo
avuto ben chiaro da subito, appena diplomatasi all’Istituto di Magistero per l’Educazione
fisica di Torino nel 1922, (esattamente un secolo fa dunque) che l’educazione del fisico
per la donna, e il conseguente impegno sportivo, l’avrebbe fatta evolvere, emancipare
dallo stato di riservatezza e chiusura in cui la storia da sempre l’aveva relegata. È noto
infatti come, all’indomani della Grande Guerra, nel famoso spartiacque tra epoche, si sia
situata anche la scoperta dell’apporto delle donne a una società più moderna e, appunto,
più consapevole del loro ruolo.
L’archivio di Andreina è ricchissimo di testimonianze in tal senso, e la giornata del 12
aprile, se da un lato voleva annunciare al mondo della ginnastica (e degli sportivi in
genere) l’intitolazione di una strada romana alla figura emblematica, per la nostra storia
dello sport, di una donna che ha fortemente influenzato lo sviluppo successivo dello sport
femminile in Italia, dall’altro voleva anche avvalersi dell’occasione per presentare
l’inventario del suo archivio, completato con grande perizia e generosità da Rosalba
Catacchio, già funzionaria della Soprintendenza Archivistica della Puglia, nostra socia
onoraria, nonché vincitrice nel 2019 del Premio SISS “Nora Santarelli”. Un lavoro
accurato, molto utile agli storici per la definizione di Andreina, figura poliedrica di sportiva
che ha dato l’incipit alla ginnastica ritmica (all’epoca detta “ginnastica moderna”), disciplina
che tante medaglie e soddisfazioni ha portato all’Itali, continuando ancora a procurarne.
Proprio queste medaglie e riconoscimenti sono stati ricordati da Davide Ciaralli, capo
Ufficio Stampa della FGN, che con Angela Teja ha coordinato la giornata e che ha anche
presentato al folto pubblico le parole testimonianza di Emanuela Maccarani, intervenuta
dall’Accademia Nazionale di Desio. Parole sentite queste ultime, di chi conosce in maniera
magistrale la materia e sa essere grata a chi ne è stata l’iniziatrice in Italia. La Maccarani,
l’allenatrice più medagliata di sempre, ha sottolineato l’importanza della ginnastica ritmica
tra le più creative per lo studio dei movimenti abbinati alla musica in un unicum di
completezza educativa per le ragazze, alle quali è in grado di lanciare un messaggio di
autostima e consapevolezza di grande impatto per la loro crescita personale.
Il fil rouge della giornata è stato dunque quello dello sport quale strumento di
emancipazione femminile, su cui si è soffermato il nostro Presidente Francesco Bonini, il quale, dopo l’accoglienza del pubblico da parte della FGI espressa dal Segretario Roberto
Pentrella, ha aperto la giornata, ricordando l’importanza della storia per la sopravvivenza
stessa dello sport. Importanza rappresentata concretamente in questa bella giornata dalla
R. Società Ginnastica Torino che era in sala con il suo Presidente Emanuele Lajolo di
Cassano e con la Vicepresidente Nadia Rizzo. Titti Di Salvo, Presidente del Municipio IX
dove si trova la strada (in un nucleo di strade intitolate a sportivi, unica donna), ha
ricordato come si possa raccontare la storia anche attraverso la toponomastica, che alle
donne rende giustizia assicurandone la visibilità. Nel caso dello sport, quello femminile
non ha ancora raggiunto la parità e la Di Salvo ha ricordato come, da deputata della
precedente legislatura, con Laura Coccia (intervenuta anche lei alla Giornata ma online e
da Bruxelles, in qualità di atleta paralimpica e di storica) si sia adoperata alla creazione di
un fondo per la maternità delle sportive, utile sussidio nel momento in cui lo sport delle
donne non ha ancora lo stesso welfare delle altre professioni. Rosanna Oliva De Conciliis,
Presidente della Rete per la Parità, illustre personalità del mondo associativo femminile
per aver vinto nel 1960 la battaglia legale che ha reso accessibili anche alle donne i
concorsi pubblici, ha evidenziato il ruolo dello sport nel raggiungimento della parità dei
diritti, elemento sottolineato anche da Gabriella Anselmi, dell’Associazione Leadership e
Empowerment Femminili, la quale si è rivolta direttamente agli studenti presenti in sala, tre
classi del Liceo scientifico Farnesina accompagnati dalla Preside Marina Frettoni e dai
professori Mario Bellucci, Lorella Barbaresi e Daniela Scolozzi.
Due i focus della mattinata, dunque, l’intitolazione della strada alla Gotta e la
presentazione del suo archivio inventariato, accanto al sentito ricordo di Riccardo Agabio,
Presidente Onorario della FGI e negli anni ‘60 e ‘70 assistente di Andreina Gotta.
Oggi solo poco più del 6% delle strade romane sono dedicate a donne e solo tre sono le
sportive, compresa Andreina. Della necessità di rendere visibili le donne e le loro storie
anche attraverso la toponomastica ha parlato Emma De Pasquale, della redazione di
“Vitamine vaganti”, la rivista dell’associazione Toponomastica Femminile da lei
rappresentata in questa occasione. Le sue parole, dense di dati riferibili alle vie intitolate
alle donne a Roma e su scala nazionale, hanno insistito sulla necessità di abbattere,
anche attraverso la toponomastica, un “patriarcato scritto in pietra, vetri e mattoni”. Il
complesso dei saluti istituzionali è così apparso un crogiuolo di idee determinato dal
concorso di personalità del mondo dello sport e di altre di organizzazioni culturali, con un
interessante scambio di pareri in una sorta di piacevole e utile assonanza. Se lo sport è
cultura, infatti, questa risalta bene quando si affiancano le varie voci che compongono la
nostra società da ogni punto di vista e non esclusivamente da quello sportivo.
Sull’importanza della storia è tornato Donato Tamblé, già Soprintendente archivistico del
Lazio, che ha definito gli archivi “granai della storia”, ricordando come da anni la SISS si
adoperi per la loro salvaguardia, in particolare mediante il Dipartimento Beni culturali
sportivi di cui è co-Direttore, e con la specifica sezione sugli archivi. Anche il Centro Studi
“Sport’s Records-Archivi e Memoria dello sport”, di cui lo stesso prof. Tamblé è
Presidente, si adopera in tal senso dal 2014, con la finalità di dar vita a un progetto
nazionale che coinvolga tutte le Soprintendenze archivistiche, per un esaustivo
censimento degli archivi sportivi e per una loro effettiva e capillare tutela, auspicando
inoltre la realizzazione di una rete condivisa di luoghi di conservazione delle fonti
documentarie dello sport. Un filmato della recente emozionante vittoria olimpica delle “Farfalle” a Tokyo 2020 ha concluso la parte dei saluti istituzionali aprendo lo spazio delle testimonianze e interventi
del pubblico, nel quale erano presenti numerose Autorità, tra cui Daniela Monaco della
Rete della Parità e del Consiglio Nazionale Femminile Italiano, Carla Varese già dirigente
CONI, Maria Emanuela Marinelli già funzionaria MiBAC, numerosi professori dell’ISEF
statale di Roma tra cui Alberto e Renata Mezzetti, Giuseppe Cilia, Attilio Lombardozzi,
Guido Brunetti, Lamberto Cignitti attuale responsabile Gruppo Sportivo dei VV FF, Claudia
Crova e Flora Iannarilli attuali docenti di Ginnastica ritmica all’Università del Foro Italico,
Novella Pavesi e Cinzia Delisi della FGI, Maura Catalano dell’Ufficio Regionale Scolastico
del Lazio. In prima fila c’erano alcune delle principali protagoniste della Ginnastica ritmica
a livello nazionale, tra cui Daniela Delle Chiaie (della FIG), Marina Piazza e A. Vera
Pifano, che con M. Rosa Rosato (la prima allenatrice della squadra Nazionale per circa un
ventennio, intervenuta online) hanno chiuso la giornata ricordando l’influenza che la Gotta
ha avuto sulla loro preparazione e di conseguenza sui successi della nostra Nazionale da
loro guidata in diversi momenti. E’ stato un onore per chi ha organizzato avere tante
personalità, tutte rimaste fino alla fine della Giornata, oltre che un ossequio alla memoria
di Andreina.
Le famose “Farfalle” hanno chiuso con un loro saluto da remoto dall’Accademia Nazionale
di Desio lasciando nel pubblico oltre a un piacevole stupore, un’impressione di freschezza
per la loro giovane età e al contempo di devozione all’augusta Maestra.

Sulla strada di Andreina

0

Oggi, martedì 12 aprile, si tiene un convegno sulla figura di Andreina Sacco Gotta, iniziatrice della ginnastica ritmica in Italia, a cui di recente  è stata intitolata una strada a Roma. Per l’occasione la Società Italiana di Storia dello Sport (SISS), insieme ad altre associazioni tra cui la Federazione Ginnastica d’Italia, hanno organizzato un convegno presso l’Auditorium di viale Tiziano 74. Tra i partecipanti il nostro presidente Francesco Bonini, la nostra socia onoraria Rosalba Catacchio e Donato Tamblè, responsabile del Dipartimento Beni culturali della Siss. A coordinare i lavori ci sarà la nostra socia Angela Teja

Per ulteriori informazioni:

 

Programma

Comunicato Stampa

 

SIAMO UNA SUPERPOTENZA SPORTIVA – CALCIO E POLITICA IN UNGHERIA DA HORTHY A KÁDÁR

0

Martedì 12 a partire dalle ore 18:00 il nostro socio Lorenzo Venuti sarà ospite dell’associazione italo-ungherese della Toscana e dialogherà con il giornalista Vittorio Martone. Tema dell’incontro la storia del calcio ungherese tra le innovazioni portate nel gioco e gli sviluppi politici.

Sarà possibile seguire l’evento a questo link.

Ulteriori informazioni nella locandina.

Sport, calcio e guerra:
una rassegna storico geopolitica

0

Lunedì 11 a partire dalle ore 15:30 si terrà il primo incontro dei seminari Sport, calcio e guerra:
una rassegna storico geopolitica, organizzato da DISP, Academic Football Lab e Eracle, a cui interverrà il nostro socio Nicola Sbetti. Sarà possibile seguire online al seguente link.

Ulteriori informazioni nella Locandina.